whatsapp.png
  • Facebook
  • YouTube
  • Instagram

FILLER LABBRA

SERVIZIO DI CONSULENZA

ONLINE

whatsapp.png

contattami direttamente su whatsapp

 

1. INTRODUZIONE

I filler labbra rappresentano senz’altro i trattamenti al momento più richiesti. 

 Il Dr. Pierluigi Gigliofiorito si occupa ormai da anni di questo trattamento nei vari studi di Caserta, Napoli, Roma e Milano. Tutti i centri sono convenzionati Dr. Lips, ovvero garantiscono standard molto elevati in qualità dei materiali utilizzati, qualità delle strutture e rapporto qualità/prezzo competitivi.

Su internet si trova un po' di tutto, molte informazioni corrette e molti falsi miti; proveremo a semplificare il vostro percorso indicando tutto quello che c’è da sapere sull’argomento!

in breve

Degenza: ambulatoriale

Procedura: 20 minuti

Anestesia: topica

Medicazione: siero

 

2. ACIDO IALURONICO: DI COSA SI TRATTA?

I filler utilizzati in medicina estetica per l’aumento di volume delle labbra sono a base di acido ialuronico, ovvero uno dei componenti principali presenti nei nostri tessuti. In particolare, l’acido ialuronico circonda le nostre cellule e dona elasticità e resistenza ai tessuti più superficiali della pelle. una sua carenza determina infatti un indebolimento della cute con la formazione di rughe ed inestetismi 

 

                                                         3. TIPI DI FILLER

In commercio esistono molti tipi di filler, con caratteristiche distinte in base alle indicazioni e quindi l’utilizzo che se ne deve fare.

Ciò che rende un prodotto più o meno duraturo è quello che viene definito cross-linking, una particolare procedura che permette di ottenere un prodotto finale più resistente alle ialuronidasi, speciali enzimi in grado di riassorbire velocemente il prodotto. Ciò che si ottiene quindi è un filler più resistente e con effetti a lungo termine.

 

I filler possono essere distinti in base ad alcune caratteristiche come materiale, densità, elasticità, viscosità riassorbimento, presenza di anestetico locale etc.

 

Per semplificare, possiamo fare delle distinzioni:

  • filler a rapido riassorbimento (acido ialuronico)

  • filler a lento riassorbimento (idrossiapatite di calcio)

  • filler permanenti (protesi in silicone, lipofilling)

Nel caso dei filler labbra la scelta ricadrà sul primo tipo, ovvero prodotti che nel giro di 6-8 mesi si riassorbono completamente.

La scelta del giusto filler viene effettuata dal medico in accordo con la paziente e dipenderà soprattutto dalle indicazioni e dagli obiettivi da raggiungere. 

 

4. TECNICHE DI INIEZIONE

Il trattamento delle labbra, sebbene sia una procedura standard e di ampio utilizzo, rappresenta una sfida importante per i medici in quanto il risultato estetico non è sempre scontato.

Sostanzialmente i filler possono essere iniettati in due modalità, con ago e con microcannula.

Di recente si è letto di una nuova tecnica di filler senza aghi rivolta soprattutto ad estetiste. Di questo argomento a breve verrà proposto un articolo dedicato nella sezione blog, per adesso vi anticipo che è una tecnica molto pericolosa con risultati alquanto imprevedibili.

Per quanto riguarda le tecniche principali di iniezione, le principali sono tre:

  • Tecnica classica: in assoluto la più diffusa. Il prodotto viene iniettato dal basso con punture parallele al labbro. Il risultato a nostro parere è poco naturale e non al passo con i tempi.

  • Tecniche verticali: di recente introduzione, si esegue con iniezioni lineari perpendicolari all’asse maggiore delle labbra.

  • Tecnica ilips: di recente abbiamo registrato la nostra tecnica originale di iniezione. E’ una modifica delle tecniche verticali e permette di ottenere risultati estremamente naturali. Attraverso tanti microtunnel vengono infiltrate ad ogni passaggio piccole quantità di prodotto in modo da ottenere una vera e propria scultura delle labbra. 

Grazie a questa tecnica il labbro tende a risalire verso l’alto senza essere proiettato in avanti, donando alla bocca un aspetto “carnoso”.

La tecnica si basa sul rispetto delle unità anatomiche che nel caso della bocca sono:

 

Filtro: linee verticali che collegano il labbro alla base del naso

Arco di cupido: porzione centrale del labbro superiore, a forma di M, separa la parte rossa delle labbra da quella bianca.

Commissura: sono gli angoli della bocca

Vermiglio: è la parte rossa delle labbra

Bordo del vermiglio: il contorno o come a noi piace definirla, la cornice delle labbra. Margine tra la parte rossa e la parte bianca delle labbra.

ANATOMIA

 

5. PROPORZIONI

Il rispetto delle proporzioni e delle principali unità anatomiche è fondamentale per ottenere risultati naturali. Si sente spesso parlare di “duck lips” o di “labbra da papera”. Questo accade quando, attraverso tecniche errate, il labbro appare proiettato in avanti tanto da richiamare questo effetto innaturale.

In teoria il rapporto ideale è di 1:1.6 (labbro superiore leggermente più piccolo di quello inferiore). Questa “regola” è da tenere a mente nel momento in cui si da volume alle labbra, ma d’altro canto non deve diventare un limite. Infatti se in una donna caucasica, ovvero di carnagione chiara può aver senso, in una donna mulatta o di colore i rapporti sono contrari (labbro superiore più grande).

 

6. TRATTAMENTO

Prima visita: durante questa fase, il paziente ed il medico si confrontano sugli obiettivi da raggiungere. Il medico illustra le tecniche, i materiali e tutte le informazioni utili, mentre la paziente espone i propri desideri e le aspettative. Per procedere il trattamento viene consegnato un modulo di consenso informato che verrà letto e firmato in presenza del medico.

A questo punto inizia il trattamento vero e proprio. La paziente, struccata, verrà premedicata con una crema anestetica che sarà tenuta sulle labbra per almeno 10 minuti. In alternativa è possibile eseguire anestesia locale con Lidocaina.

L’utilizzo dei filler in ambito estetico è di competenza strettamente medica. Si tratta infatti di dispositivi medici e possono essere utilizzati unicamente da medici in ambienti qualificati come ad esempio ambulatori medici.

Nei centri Dr. Lips i trattamenti vengono eseguiti unicamente da medici specialisti in Chirurgia Plastica.

La procedura dura in media 15-20 minuti.

 

 

 

 

A noi piace definire il trattamento come una “LIPS EXPERIENCE” multimediale in cui i pazienti, grazie ad uno specchio o dirette video, vengono coinvolti durante le fasi principali e sono protagonisti potendo seguire l’andamento della prestazione.

Al termine, se necessario, si applica del ghiaccio. La zona trattata andrà massaggiata delicatamente nelle prime ore per uniformare la zona. Ci si può avvalere di una crema idratante o in alternativa dell’olio d’oliva che ha una grande potere idratatante.

1/10

FINE PROCEDURA

A fine trattamento il labbro sarà leggermente più gonfio rispetto a quello che sarà il risultato definitivo.

Questo sostanzialmente per un motivo: le iniezioni provocano un aumento del volume di circa un 20%  a causa di un microedema temporaneo che scomparirà dopo circa 24-48 ore.

Dopo circa due giorni sarà quindi possibile valutare gli effetti reali del filler che tenderanno a restare costanti per circa 4-6 mesi.

 

7. COSA EVITARE DOPO IL TRATTAMENTO?

Si consiglia di evitare attività sportive nelle successive 12 ore così come vanno evitati trucchi e rossetti. Esistono in commercio dei prodotti coprenti “sterili” e con azione lenitiva che possono sostituire i classici trucchi almeno nei primi giorni.

Lampade abbronzanti ed esposizione solare vanno evitati in caso di comparsa di lividi per il rischio di iperpigmentazione della pelle.

 

8. POSSONO ESSERCI EFFETTI INDESIDERATI?

Le complicanze dopo filler labbra sono abbastanza rare. Nelle prime ore dopo il trattamento possono apparire piccoli lividi che tenderanno a scomparire dopo pochi giorni.

Sebbene raramente, il prodotto può raccogliersi in punti specifici con maggiore concentrazione dando vita a piccoli noduli che tenderanno a scomparire massaggiando l’area.

Le principali controindicazioni all'utilizzo dei filler sono:

FOLLOW

US ON

INSTAGRAM

Contattaci

brochure

consenso

informato

IL CHIRURGO RISPONDE

Si sente dolore?


Il prodotto viene iniettato attraverso iniezioni. Nonostante l’ago abbia dimensioni minime (da 27 a 30 G), la procedura non è indolore. Grazie alle creme anestetiche però il trattamento diventa estremamente sopportabile.




Quanto durano i risultati?


La durata del risultato è estremamente variabile e dipende da molteplici fattori:

  • tipo di filler: esistono filler a rapido e lento riassorbimento.
  • tecnica utilizzata: se il prodotto viene iniettato in profondità tende a durare meno.
  • abitudini: l’esposizione solare continuativa tende ad associarsi ad una ridotta durata degli effetti.
  • metabolismo della paziente: grandi sportivi o comunque persone con un metabolismo più rapido noteranno una durata inferiore legata al fatto che il prodotto viene degradato più velocemente




Cosa ne pensa dei filler senza aghi?


Si tratta di una tecnica promossa da non esperti nel settore, che ha già fatto tanti danni ed immagino già a breve non se ne sentirà più parlare.




Quali sono i costi?


I costi sono variabili, vanno dai 250 euro a salire a seconda del prodotto e del trattamento da eseguire.




Cosa pensa delle russian lips?


La tecnica russa è molto simile alla nostra iLips! In Italia tendiamo ad evitare volumi esagerati e ci concentriamo di più sulla forma e sulle armonie. Però in sostanza le tue tecniche sono molto simili. Negli ultimi mesi abbiamo deciso di lavorare su una sintesi tra le due tecniche ed i risultati che abbiamo ottenuto ci stanno regalando grandi soddisfazioni. In pratica abbiamo unito le due tecniche, unendo i vantaggi di entrambe ed ottenendo sempre più definizione soprattutto a livello dell'arco di cupido ma riuscendo a mantenere naturalezza ed armonia nei risultati




Dove esegue i trattamenti?


Caserta Napoli Roma Milano





CASERTA

NAPOLI

ROMA

MILANO

contatti

380/5089404

campus.jpg
SIMBOLO E SCRITTA_edited.png
imc logo.png
logo-aicpe.png
gmc_.png
logo data medica.jpeg